Mascherine chirurgiche Amazon: caratteristiche, tipologie, utilizzo

Fino a qualche mese fa avresti mai immaginato che, accanto allo smartphone, un altro accessorio indispensabile avrebbe accompagnato la tua giornata e, soprattutto, le tue uscite e i tuoi momenti di interazione con gli altri? Eppure le mascherine chirurgiche sono diventate, oltre che necessarie, un’appendice quotidiana da saper maneggiare, indossare correttamente e smaltire in maniera altrettanto appropriata.

Per aiutarti in queste operazioni, oggi voglio parlarti di questo dispositivo così importante per la tua salute facendoti capire bene di cosa si tratta davvero, qual è la sua funzione principale, come devi utilizzarla e quale mascherina scegliere tra i modelli in commercio per soddisfare le tue specifiche necessità di protezione.

Mascherine chirurgiche Amazon

Prima di continuare ti lascio con le migliori offerte di mascherine chirurgiche presenti su Amazon:

OffertaBestseller No. 1
100 mascherine chirurgiche Dispositivo Medico di classe II R CERTIFICATE CE ogni mascherina è racchiusa in confezioni richiudibili da 10 mascherine RmovePin
388 Recensioni
100 mascherine chirurgiche Dispositivo Medico di classe II R CERTIFICATE CE ogni mascherina è racchiusa in confezioni richiudibili da 10 mascherine Rmove
  • DISPOSITIVO MEDICO DI CLASSE I : Le mascherine chirurgiche sono un dispositivo medico, dunque la spesa sostenuta può essere detratta nella dichiarazione (modello reddito e/o 730) scaricando la fattura che verrà generata automaticamente i formato pdf. Fattura ovviamente già con iva ridotta. Su richiesta può essere inviato il CERTIFICATO CE in PDF.
  • TIPO IIR: Le mascherine chirurgiche certificate CE godono della Classificazione TIPO IIR. La Normativa europea EN 14683: definisce il livello di efficacia di una mascherina può essere di quattro tipi: tipo I, tipo II, tipo IR e tipo IIR. La mascherina IIR ha un’efficacia di filtrazione batterica superiore al 98%. Rendendole le più resistenti.
  • CONFEZIONE RICHIUDIBILE: ogni mascherina è racchiusa in confezioni richiudibili da 10 mascherine
  • COMODE E SICURE: ogni mascherina è dotata di comodi elastici termosaldati e ferretto nasale regolabile per la corretta applicazione del Dispositivo.
Bestseller No. 2
50 Mascherine CHIRURGICHE Certificate CE Tipo IIR BFE ≥ 98% - Dispositivo di protezione Monouso con elastici e nasello regolabile comodo e confortevole DISPOSITIVO MEDICO 2R Ministero della SalutePin
89 Recensioni
50 Mascherine CHIRURGICHE Certificate CE Tipo IIR BFE ≥ 98% - Dispositivo di protezione Monouso con elastici e nasello regolabile comodo e confortevole DISPOSITIVO MEDICO 2R Ministero della Salute
  • ✅ Dispositivo Medico: ISO13485 di tipo II R CERTIFICATE
  • ✅ Certificazione Europea: EN14683:2019 - Certificato Ce: Q6 045790 0024 rilasciato dall’ente tedesco TUV-SUD
  • ✅ Identificativo di registrazione BD/RDM (Banca Dati ed il Repertorio dei Dispositivi Medici): 1978100
  • ✅ ALTO GRADO DI FILTRAGGIO: realizzate in TNT con Efficienza di filtrazione batterica BFE ≥ 98% 3 VELI
Bestseller No. 3
50 Mascherine MADE IN ITALY Tipo II Protezione Viso Certificate CE in 5 Pacchetti da 10 Pezzi (Nero)Pin
850 Recensioni
50 Mascherine MADE IN ITALY Tipo II Protezione Viso Certificate CE in 5 Pacchetti da 10 Pezzi (Nero)
  • Mascherine nere per un utilizzo quotidiano e sicuro
  • Nero avanti e dietro - 3 Strati Tipo II Certificate CE
  • Elastico morbido e flessibile, si adatta bene al viso sia grande che piccolo
  • Nasello regolabile, modellabile alla forma del viso
Bestseller No. 4
Mascherine Chirurgiche IIR Dolomiti Medical Confezionate Singolarmente, Certificate CE Tipo IIR, Mascherina 3 Strati con Elastici, Face Mask Protettiva Viso, Prodotte in Italia Made in Italy 50 pezziPin
28 Recensioni
Mascherine Chirurgiche IIR Dolomiti Medical Confezionate Singolarmente, Certificate CE Tipo IIR, Mascherina 3 Strati con Elastici, Face Mask Protettiva Viso, Prodotte in Italia Made in Italy 50 pezzi
  • ✅ MADE IN ITALY: Mascherina chirurgica Tipo IIR prodotta in Italia in provincia di Belluno (100% Made in Italy)
  • ✅ DISPOSITIVO MEDICO: Dispositivo medico di tipo II R con certificazione ISO 13485 e ISO 9001
  • ✅ SICUREZZA CERTIFICATA: Certificate CE e conformi alla normativa UNI EN 14971:2020, EN 10993-1:2010, EN 14683:2019 e al regolamento 2017/745/UE
  • ✅ CONFEZIONE: 50 Mascherine Chirurgiche Monouso Tipo IIR confezionate singolarmente con comodi elastici auricolari per la massima comodità e semplici da indossare

Le mascherine chirurgiche sono dei Dispositivi di Protezione Individuale che, fino a qualche tempo fa, venivano usate prevalentemente in ambito sanitario, ma di cui oggi se ne fa un largo uso sia all’interno di spazi chiusi che in molti luoghi pubblici.

Hanno lo scopo di limitare la possibilità che chi le indossa possa contaminare l’ambiente in cui si trova attraverso la propagazione di agenti patogeni come virus e batteri, che si trovano nelle goccioline prodotte dalla bocca, evitando che le persone vicine possano entrare in contatto con tali secrezioni respiratorie.

Sono dei dispositivi monouso che devono essere indossati coprendo naso e bocca.

Come è fatta una mascherina chirurgica e qual è il suo livello di protezione?

Le mascherine chirurgiche sono realizzate in 3 strati di TNT (tessuto-non-tessuto) di colore azzurro e si adattano perfettamente al tuo volto quando le indossi, il comfort è garantito dalla morbidezza dello strato a contatto con la pelle che non risulta in alcun modo duro o abrasivo, e inoltre anche gli elastici che vanno a posizionarsi dietro le orecchie sono morbidi e confortevoli.

È lo strato interno quello che garantisce il potere filtrante alla mascherina impedendo agli eventuali agenti infettivi che potresti emettere di disperdersi, mentre il materiale con cui viene realizzata ti assicura un continuo e facile flusso d’aria sia verso l’esterno che verso l’interno.

Le mascherine chirurgiche sono anche dette altruiste perché nascono per proteggere le persone che si trovano nelle immediate vicinanze di chi le indossa: infatti, se tu fossi affetto da un qualche virus contagioso potresti diffondere eventuali schizzi e liquidi contenenti agenti patogeni che infetterebbero chi si trova intorno a te.

Usando la mascherina medica, l’aria e i liquidi che escono dalla tua bocca o dal tuo naso vengono filtrati e gli agenti patogeni intrappolati all’interno della mascherina.

Per questo motivo, in associazione alla mascherina chirurgica, per garantirti una certa sicurezza da eventuali contagi esterni, devi necessariamente rispettare almeno un metro di distanza dalle altre persone.

Quando e perché si deve indossare una mascherina?

È consigliabile indossare la mascherina in tutti quei luoghi pubblici in cui la distanza di sicurezza di almeno un metro non può essere garantita, come all’interno di mezzi di trasporto, centri commerciali, bar, ristoranti, negozi, supermercati etc.

In questo modo è possibile ridurre e limitare la diffusione di probabili infezioni che si sviluppano attraverso la propagazione incontrollata delle goccioline respiratorie emesse da soggetti infetti, che però non hanno ancora manifestato sintomi o che sono totalmente asintomatici.

Come si indossa una mascherina chirurgica?

Quando devi indossare una mascherina chirurgica è fondamentale seguire alcune importanti precauzioni per avere la certezza di essere protetto in maniera adeguata.

Innanzitutto, prima di togliere la mascherina dalla sua confezione, lavati in maniera accurata le mani, almeno per 60 secondi consecutivi, in modo da non trasferire su di essa eventuali tracce di sporco, successivamente posizionala sul viso tendendo gli elastici o i lacci fino a posizionarli dietro le orecchie.

A questo punto puoi aprire meglio la mascherina medica per farla aderire correttamente al tuo viso in modo che copra naso e bocca.

Inoltre, ricordati che la sottile e breve barra metallica stringinaso che si trova nella parte centrale di uno dei due lati lunghi deve essere posizionata e modellata intorno al ponte del naso per una maggiore aderenza e, quindi, una valida protezione.

Le mascherine chirurgiche lasciano ben identificare il lato esterno e quello interno da appoggiare sulla faccia, infatti il primo è di colore blu, mentre quello interno è di colore bianco.

Una volta posizionata, la mascherina non deve essere toccata, soprattutto nella sua parte interna, e quando devi rimuoverla fai attenzione a toccare solo gli elastici o i lacci ed evitare che la parte esterna entri in contatto con la bocca o il naso, per evitare che possano verificarsi possibili contagi.

Una mascherina utilizzata e tolta non deve essere conservata in tasca e nemmeno in altri luoghi in cui potrebbe venire in contatto con le mani; per gettarla correttamente devi ripiegarla verso l’esterno e buttarla nei rifiuti indifferenziati, meglio se prima riesci ad inserirla all’interno di una piccola custodia o borsa.

Terminata questa operazione, lavati nuovamente e a fondo le mani.

Quanti tipi di mascherine esistono?

mascherine chirurgichePin

Trattandosi di dispositivi con cui devi imparare a convivere in determinate situazioni e all’interno di precisi contesti, è importante che tu conosca i vari tipi di mascherine attualmente presenti sul mercato per valutarne le caratteristiche e adeguarle, conseguentemente, ad ogni singola esigenza o situazione in modo da compiere anche un acquisto corretto. Le mascherine attualmente più diffuse e utilizzate sono:

Mascherine monouso

Sono quelle comunemente chiamate mascherine chirurgiche o mascherine mediche e che, fino a qualche tempo fa, si vedevano solo al volto dei medici o dei dentisti.

Come già accennato, il grado di protezione va soprattutto a vantaggio di colui che si trova di fronte a chi la indossa, dato che è in grado di filtrare fino al 95% di aria che esce dal suo naso e dalla sua bocca.

Chi la indossa quindi impedisce la propagazione del virus, mentre per proteggersi da potenziali contagi esterni è necessario associare all’uso della mascherina anche il distanziamento sociale di almeno un metro.

Le mascherine chirurgiche sono usa e getta e possono essere indossate per 3/4 ore consecutive, anche se andrebbero tolte e correttamente smaltite e sostituite anche dopo 2 ore.

Mascherine lavabili

Sono delle mascherine solitamente realizzate in tessuto che non hanno alcuna certificazione e che non vengono utilizzate in ambito sanitario, ma rappresentano una prima barriera igienica che permette di respirare con una certa facilità impedendo, allo stesso tempo, ad eventuali goccioline potenzialmente contagiose di propagarsi con estrema facilità.

Il loro utilizzo prevede l’attenta copertura di naso e bocca e, come nel caso delle mascherine chirurgiche, il mantenimento della distanza di almeno un metro dalle altre persone.

A differenza di quelle chirurgiche, invece, le mascherine in stoffa possono essere lavate – meglio se almeno a 60° – e riutilizzate, oltre a rappresentare una soluzione ecologica in confronto alla vasta quantità di mascherine usa e getta e di guanti che quotidianamente necessitano del corretto smaltimento.

Mascherine lavabili con filtro

Si tratta di un ottimo compromesso tra la praticità ed economicità delle mascherine lavabili e la sicurezza rappresentata dall’ulteriore rinforzo offerto da un filtro, solitamente posto in una tasca interna della mascherina in tessuto e realizzato con carbone attivo.

Nel dettaglio, il filtro è costituito da cinque fogli diversi, ognuno con una sua funzione specifica, quello centrale è il filtro in carbone attivo vero e proprio che blocca il passaggio delle particelle più dannose che solitamente la mascherina da sola non riesce a bloccare, mentre gli altri fogli che compongono il filtro riescono a bloccare anche il passaggio di pollini o altre sostanze dannose presenti nell’aria.

Se la mascherina in stoffa necessita di lavaggi approfonditi e igienizzazione accurata, anche il filtro che si inserisce al suo interno deve essere regolarmente cambiato per garantire sempre un’elevata protezione.

In commercio, sia in negozi fisici che online, è possibile reperire confezioni di filtri al carbone attivo, l’importante è acquistare prodotti di qualità e certificati evitando quelli che costano troppo poco o di dubbia provenienza.